A l’aube tout est parfait

Gli alberi spogli,
si innalzano possenti,
fronteggiano il sole
e il grecale graffiante.
La loro corteccia cortese
grigia e contorta
e i rami, sopiti e assenti,
odorano di nulla,
di un vuoto inflorescente.
Il circondario è potente,
lussureggiante,
respira di primavera,
d’uno stato di appartenenza
come mai più lo sarà,
per gli alberi spogli.

(Sopporteremo i graffi dei respiri assenti d’amore, eppur siamo petali.)

Informazioni su Francesco Quaranta

Amo gli sguardi.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...