Notre Dame de Paris

Queste cattedrali di legno

bruciano alla prima scintilla.

Costruiamo nuovi santuari,

fatti di stelle scintillanti.

Andiamo a ballare sui sogni,

issiamo, tetti dove c’erano tetti,

amori lungo i corsi dei fiumi,

vite fra le filari d’uva, e versiamo

il tempo di cui siamo padroni.

Riposiamo all’ombra d’alberi rigogliosi.

(Tutto quel che è perso esiste in un altrove!)

Foto mia – 11 Marzo 2016

Annunci
Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Chambre d’hôte

Oh Parigi silenziosa,

dalla panchina sul boulevard

le luci aumentano le ombre

i rumori acuiscono gli spazi,

le auto passano veloci,

non passa un alito di vento,

le insegne al neon,

sui marciapiedi i clochard

dormono fra gli stracci,

due euro il biglietto del bus,

e tu sei lontana

più lontana delle stelle sfolgoranti,

dove sei sempre stata

col tuo vulcano torvo

e il golfo che è culla di mare…

(I ritorni, virgola dopo virgola.)

Foto dall’aereo – Costa italiana

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | 1 commento

J’ai vu la lune

Ancora un’ora di poesia

e poi ogni cosa sarà al suo posto,

i graffiti sui muri diventeranno quadri,

la musica di strada avrà una sala,

le commedie umane teatri,

la gentilezza le immensità dei mari,

e l’amore gli attimi e i secoli…

(Tutta la calma del mondo non vale una scintilla di beata inquietudine!)

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Tu, moi, aussi

Il y a le gris sombre,

le début et la fin,

un froid qu’estompe

au long des pas.

Il y a l’amour qui cache,

l’amère de la vie,

sous un drap de soie

et des rêves ravis.

(Partout dans le monde et à nulle part hors de nous.)

Foto mia – Canal Saint Martin

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Tu, moi, aussi

Il y a le gris sombre,

le début et la fin,

un froid qu’estompe

au long des pas.

Il y a l’amour qui cache,

l’amère de la vie,

sous un drap de soie

et des rêves ravis.

(Partout dans le monde et à nulle part hors de nous.)

Foto mia – Canal Saint Martin

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Tu qu’es lointaine

Giudiziosa

è la notte

dei solitari sogni,

essenza

del riverbero

di un incanto,

restano

le linee sottili

a legare le stelle,

ogni silenzio

crea caos

e armonia…

(Avvicinatevi piano ai tumulti altrui e dategli un bacio, improvvisi e sorridenti!)

– foto proveniente da qualche parte laggiù

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Les chaussures de tango

Il rumore della città,

è la gente di Parigi al tramonto,

le ultime ombre

le porte automatiche

le scale mobili

l’uomo con la sedia da mare,

il ragazzo con la chitarra,

la ragazza col libro in mano

nel suo spazio di lettura,

salgono su la metro

lenta e sorniona

strapiena e brulicante,

gli scuotimenti del viaggio,

le stazioni fermano gli arrivi

e le uscite portano agli incroci,

alle chiacchiere sulla strada

con l’ubriaco di turno,

di vino e di vita.

C’è silenzio, arrivato sotto casa.

(Siate sognatori anche nei giorni in cui vorreste svegliarvi.)

Foto mia di una via qualunque – Parigi

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | 1 commento

Il y a un sense

Gli ultimi giorni stanno arrivando

assomigliano ai primi in posti lontani

I giardini accolgono il sole e l’aria una musica

è dolce passeggiare sull’orlo della realtà

Vorrei avere ali per non precipitare

vince il senso di claustrofobia anche nel vuoto

È una giornata di primavera persa nell’inverno

ed io ho smarrito la felicità e resto preso all’ingiusto

Ha ragione la forma in cerca di perfezione

consapevole di essere uno sbaglio dentro e fuori.

(Smettetela di mascherare la cattiveria con la concretezza. Siate sognatori anche nei giorni di guerra.)

Foto mia – punto di vista sdraiato su una panchina a Montmartre

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Paris – Napoli

Lorsque il y a l’aube, tout se cache,

les rêves des plages lointaines,

les souvenirs des mots douces,

d’une nuit d’hiver, d’une nuit d’été…

(Continuiamo ad essere noi stessi, ricoprendo il viso delle nostre buone intenzioni.)

Foto mia – Canal Saint Martin Paris

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

I Delitti della Domenica Sera

Amiamoci ferocemente,

mangiandoci a vicenda,

con baci e carezze,

con graffi e certezze…

(Il rosso delle tue labbra contrasta col blu ghiaccio del mio cuore.)

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Rêve d’une nuit de mi-hiver (acte II)

Quindici. Erano gli scalini per salire al primo piano. Ogni sera parto da casa, per una nottata in obitorio. Guardiano notturno, al tramonto entrando saluto gli ultimi ad uscire. A volte il sonno vince la sua battaglia e, seduto sulla poltrona davanti ai monitor, vago verso quegli incubi in agguato anche al risveglio. Ieri sera il medico legale uscendo si è rivolto a me per la prima volta – “Buonasera Michele, per favore, cerca di restare sveglio stanotte.” – ed io “Buonasera Dottore, scusi. È successo soltanto un paio di vol…”, ma non si è neanche fermato. Qualche minuto dopo ero al mio posto, la telecamera sul parcheggio l’ha inquadrato che ancora armeggiava per aprire la sua vecchia auto. Quando lo sportello si richiuse, seduto al posto di guida lancia uno sguardo nella mia direzione, ho creduto stesse guardando me, come fossi dietro il vetro di una finestra. In quel momento il mio cuore pulsava regolare, eppure il sudore aveva iniziato ad imperlare la mia fronte. Il dottore mise in moto andando via lentamente, troppo lentamente. Alle due avrei voluto trovarmi altrove, avrei gridato se avessi potuto. Con gli occhi spalancati guardavo il monitor. Dormivo certamente. Il corridoio bene illuminato era vuoto, le mura bianche, il pavimento grigio, l’armadietto rosso del kit antincendio. Fissavo il corridoio vuoto, tutto era normale, non fosse stato per il silenzio assoluto e la mia completa impossibilità a muovermi. Guardavo attorno a quel monitor, c’erano altri per le varie stanze, gli uffici, le camere mortuarie. Tutto era in ordine, tutto era normale, anche se continuavo ad essere paralizzato. C’era il silenzio, neanche il mio respiro riuscivo ad intendere, neanche il televisore che accendevo per accompagnarmi fino all’alba. Cominciai ad osservare i monitor, l’ufficio del dottore aveva una grande scrivania posizionata quasi al centro della stanza, dietro c’era una grande finestra, le librerie ai lati, teneva libri anche a terra, attorno alla sua poltrona. La tenda dell’ufficio lambiva la poltrona, come avesse lasciato la finestra aperta. Strano perché il regolamento esige sia tutto chiuso quando nessuno lavora. Lavoravo io ieri notte. Il riverbero degli schermi illuminava appena la stanza. Dormivo, perché la luce era spenta ed io l’avevo lasciata accesa. Pensando fosse un sogno ridivenni tranquillo. Il corridoio continuava ad essere normale, tranquillo. Così l’ufficio del dottore. Così la camera mortuaria… così il letto con il lenzuolo sopra, dove vedevo un abbozzo di figura umana. Erano le due e trentasette, in alto a destra dei monitor compare data e ora. Sentii freddo, silenzio e lo stato d’angoscia aumentare. Cominciai a vagare fra i monitor, il corridoio sembrava meno illuminato. I miei occhi muovevano dall’uno all’altro. La scrivania del dottore venne attraversata da un raggio di luce lunare, bianca e candida, fredda. Un libro aperto a cui si muovevano le pagine ogni qual volta la tenda lambisse la poltrona. Un odore acre di fiori marciti entrò nelle narici. La telecamera sul parcheggio inquadrò di sfuggita le ombre dei bidoni della spazzatura, la porta sul retro da cui entravo ogni sera, i lampioni lungo le file dei posti auto, la recinzione. Il cuore batteva molto velocemente, potevo sentire il rimbombo nel cervello, continuavo a non potermi muovere. Anche adesso, qui al buio, non riesco a muovermi. Deve essere andata via l’elettricità, non vedo ne i monitor, ne la piccola scrivania davanti a me. Adesso riesco ad ascoltare i suoni, oltre la porta qualcuno parla ad alta voce. Adesso riesco a percepire il mio corpo, sono sdraiato. Grido “aiuto”, grido forte, ascolto la mia voce, qualcuno deve sentirmi. Qualcuno sente, apre la porta, vengo portato fuori e messo su di un letto freddo, sembra di ferro. Qualcuno dice “Morto nel sonno.” ma io sono qui, “aiutatemi” grido. Adesso la stanza è ben illuminata, attorno a me dei ragazzi, tirocinanti dell’università. Il dottore prende il bisturi. Io grido “Aiuto!”, lui per un attimo sembra fissarmi, adesso sappiamo entrambi di esserci guardati negli occhi, sorride. Tutti attorno a me, come a un banchetto… ed io sono la portata principale.

(Questa storia è di pura invenzione. Ne scriverò una ogni tanto, chissà se avranno un filo logico.)

Foto mia – Canal St. Martin / Parigi

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento

Fra un passo e l’altro

L’air froid

étonne la rue.

On écoute

les frissons.

(Il faut partager, un rêve, une poire, un verre…!)

Foto mia – Parigi

Pubblicato in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici | Lascia un commento