Forme géométrique

La città risuona d’armonica,
sul pavé di polvere e fango,
nello stridore, sogni infranti
fra schizzi di luce e di buio,
in corsa da brividi e asfalto,
delle muraglie dipinte d’oro
dai guizzi di un’altra epoca.
Le vetrine riverberano tagli,
conici filtri di grigi canonici,
fra gli strali di ombre dipinti
l’aria fredda muove sinuosa.

(Ogni bacio appartiene al proprio tempo, ogni vero amore resta all’infinito)

Informazioni su Francesco Quaranta

Amo gli sguardi.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...