le papier déchiré

Di quanto resta di Parigi, nella mente l’odore delle piante sul balcone, nel cuore il profumo della Parisse, nelle ossa la vertigine dei tramonti, dentro i muscoli la tensione dal camminare, dentro gli occhi la pienezza di immagini quotidiane. Di quanto resta di Parigi, di tutto questo, di altro ancora; delle lunghe passeggiate nei pressi della Senna, col sole di giugno a scaldare il viso; dei colori vivaci dei fiori al Jardin des plantes, coi corvi neri e lucenti a saltellare silenziosi. Sopratutto, restano le imperfezioni, sparse per la città come i biglietti della metropolitana usati e gettati ovunque; le imperfezioni delle facciate dei palazzi da intonacare e dipingere, del legno intaccato dal tempo e dalla pioggia, scolorito, attorno alle finestre e delle stesse; le imperfezioni dei vicini di casa, con gli scaffali piedi di libri e i modi spiccioli con cui lanciano un mozzicone dalla finestra, con in mano gli spartiti di un’opera; le imperfezioni di una giornata soleggiata ma con l’aria fredda e il cielo per metà nuvoloso. Le imperfezioni sono lo stato d’essenza di questa città, perché proprio in queste c’è il sapore della vita.

(Tutta la prontezza di spirito possibile e un poco di serenità!)


https://it.m.wikipedia.org/wiki/Jardin_des_Plantes

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...