Repassage

Non stiro, io.
So farlo ma non stiro.
Ho le mie camicie stropicciate,
Le sento meglio addosso
Proprio come sono
Stropicciate loro
Stropicciato io.

Io devo avere nel profondo
Un incessante desiderio d’altro
Scrivo cose senza un filo logico
Poi cerco di mischiare le parole
Come se il senso fosse nascosto
Ed invece non c’è non esiste
Proprio come questo bruciare nel petto
Ed i ti amo che non ti ho mai detto

(Adattiamoci alle notti di pioggia sbilenca, sopra le palpebre bruceranno i baci)

Informazioni su Francesco Quaranta

Amo gli sguardi.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Repassage

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Camicie stropicciate, cuore stropicciato…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...