L’inévitable légèreté

Saremo grandi
non quando invecchieremo
per questo c’è sempre tempo
ma, saremo grandi
quando avremo imparato
a comporre noi stessi
nota dopo nota
pezzo dopo pezzo.

Saremo grandi
quando sapremo sentire l’alba
la mente inventerà storie
il cuore vivrà favole
fino alla fine del mondo
con gli occhi lucidi.

Saremo grandi
la luna irromperà luminosa
lo sfavillio intaglierà il cielo
e avremo su di noi
granelli di polvere di stelle
e l’emozione degli amori vissuti.

(Amiamo quell’irrefrenabile impulso di sorprenderci anche solo per un’alba.)

Informazioni su Francesco Quaranta

Amo gli sguardi.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’inévitable légèreté

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Saremo grandi quando ci ameremo e ameremo con entusiasmo ciò che ci circonda.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...