Il y a une pièce en plus

Mi sveglierò questa notte
avrò sete e fame
attraverserò la casa vuota
andrò in cucina
aprirò porte chiuse del vento
ascolterò le auto
passeranno veloci giù in strada
vagherò fra le foto
ritroverò cari vecchi sorrisi

amerò per sempre
e prima di tornare a sognarti
scuoterò la mia anima
andrò a lavare i denti con cura
respirerò i miei anni
tornerò nel mio letto di pietra
lì bacerò il tuo viso
sarà già una squallida alba
e noi saremo nulla.

(Le onde sorreggono il mondo col loro frastuono)

Informazioni su Francesco Quaranta

Amo gli sguardi.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il y a une pièce en plus

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Che bella!
    L’ho vissuta nell’onirico mondo delle parole.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...