Chambre d’hôte

Oh Parigi silenziosa,

dalla panchina sul boulevard

le luci aumentano le ombre

i rumori acuiscono gli spazi,

le auto passano veloci,

non passa un alito di vento,

le insegne al neon,

sui marciapiedi i clochard

dormono fra gli stracci,

due euro il biglietto del bus,

e tu sei lontana

più lontana delle stelle sfolgoranti,

dove sei sempre stata

col tuo vulcano torvo

e il golfo che è culla di mare…

(I ritorni, virgola dopo virgola.)

Foto dall’aereo – Costa italiana

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Chambre d’hôte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...