La porte sur le toit

Per me è alba quando sono in piedi,

anche se fuori è notte e attendo quieto

il primo chiarore, i primi suoni.

Per me è alba il cielo, oltre la finestra,

sulla città ingarbugliata, nelle sue strade,

in tanti piccoli sorrisi, illuminanti per qualche sogno.

Per me è alba l’odore di ieri ancora sulla pelle,

il bicchiere di caffè sul tavolo, le briciole dei biscotti,

i pensieri che vanno e vengo come treni ad una stazione.

Per me è alba l’insieme di tutti gli attimi, da comporre,

come tasselli di un rompicapo, come note,

passi compiuti sul filo di un racconto fantastico.

(Diamo le risposte e gli abbracci e non pentiamocene mai!)

Foto mia – Sanità, Napoli

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La porte sur le toit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...