Trebisonda

Due occhi nella notte,
come stelle ad altezza d’uomo,
danno pace e angoscia:
bramosia di possederli…
avere vicino chi li possiede,
e sentirsi padrone e schiavo insieme.
Ascoltare il rumore del mare
in tempesta,
essere una nave in balìa
della burrasca.
Cingere nel tepore d’un abbraccio,
lasciandosi bruciare…
dando vita al freddo ghiaccio,
ritrovandosi nel languore.
Credendo di tutto potere
avendo cura nel supplizio;
tramutare il rame in oro,
reggendo un diamante grezzo…
Un filo attorcigliato, tagliente,
ferite dolci, nuovo umano sarmento.
Sedersi nel bosco rudagioso
e querulo,
stimandosi più d’una quercia
frondola.
Affrontare l’artiglio del drago
da cavaliere,
con la spada corazza e scudo,
avendo in se i forti pensieri.
Tremendo e feroce è il ricordo,
delle mani amate sulla pelle,
avido del giusto profumo:
labile scherzo di cose non dette.
Assaporare i suoi modi:
le piccole cose d’ogni giorno…
l’amaro sospetto d’ignobili frodi:
nel desiderio di esserne adorno.
Più sacro è l’amor e sincero
il proposito…
lascia spazio a fraintesi e invero
è amar deposito…!


(Un vaso antico contiene la sabbia, a volte ne prendo un po’ per immaginare il mare!)


Donna turca vicino al ruscello – John Singer Sargent

https://it.m.wikipedia.org/wiki/John_Singer_Sargent

Trebisonda è una città turca sul mar nero

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Trebisonda

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...