Doux

Fruscio del vento,
tra gli alberi in fiore…
passetti sull’erba,
di bambini a giocare.
Moscaceca a rincorrersi,
nascosti alla vista,
non agli orecchi,
scoppi di risa
e finte zuffe…
Chi vuole il gelato,
o lo zucchero filato.
Giocare a pallone,
come i padri nel campo…
lavoratori.
Giocatori della vita.
C’è un bel sole
che rallegra nel parco;
riscalda il laghetto
coi paperi e cigni…
chi fuori chi dentro;
… o seduti in panchina.
Ed ecco un grido,
il padre l’afferra…
un bambino da lo scivolo.
Poi un sorriso e un abbraccio.
Un bel quadrato
con tanta sabbia.
Piccoli architetti…
costruiscono castelli.
Sotto lo sguardo di vecchi,
con in mano un giornale…
finti lettori,
attenti al ricordo
dei loro giochetti.
Un po’ di vita d’ognuno,
rinchiusa nel parco…
mamme attente,
l’uncinetto corre e l’occhio
anche: alla ricerca continua,
d’un monellaccio.
Come passa il tempo
la domenica serena:
tutti felici,
sognando il domani.


(Del passato ricordo, del presente amo, del futuro accordo!)


Sogno di una domenica pomeriggio al parco Alameda – Diego Rivera

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Diego_Rivera

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...