Transgression 

Pagine deserte e piangenti,
coprono stalli di increduli abominii…
intrise dell’umore di amanti assassini;
portano il marchio del re dei lamenti.

Stupide costrizioni addolciscono le anime,
più nere della pece, assaggio di dolore.
E stringhe come cappi di languore.
Assaggi di spille conservate nella pelle.

Il vuoto porta l’urlo e lo amplifica,
e cento credenti dall’aria collerica…
è vivo un sogno, fremente, acido.
Brucia l’anima del viandante monco.

Scroscio d’acqua stantia tra i rami
e sapore di passato nei cerchi:
volteggia l’ebbro dei suoi peccati,
gioisce lo stolto dei felici afflati.

Serbare rancore a l’ultimo perdente,
ficcargli una lama nel viso incredulo…
Assentarsi dal gioco, ferino e suadente;
scuarciare il cuore vivo. Gettandolo.

Scaglie nel cervello, scagliando una pietra;
offuscati i pensieri dal richiamo sireneico.
L’unzione al sacro culto di Mitra,
sangue del Dio. Grugnito malefico.

(Le voci dal passato riecheggiano fra lastre di ghiaccio!)


Tamara and The Demon – Mikhail Vrubel

 https://it.m.wikipedia.org/wiki/Michail_Aleksandrovi%C4%8D_Vrubel%27

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Poesia, Poesia, Racconto, Parigi, Roma, Napoli, Milano, Pisa, Livorno, Lecce, Salento, Firenze, Camaiore, Lucca, Siena, Verona, Slovenia, Italia, Amore, Amici. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...