Après la nuit 

Con un laccio di spago al polso, girovago

fra le strade di un borgo antico.

Sogno di ritrovarmi nel mare Egeo

su una piccola barca a vela,

prendo sul viso ogni sbuffo d’onda,

simili a carezze fatte da mani care;

sogno il mare in burrasca,

le crepitanti stelle in lieve riverbero,

il cielo a mezzo con furiose nuvole,

pioggia sulle braccia al timone, sale,

sapore di cose antiche e nuove;

sogno il luminare dei fulmini

a squassare un punto lontano agli occhi,

e i tuoni riempire gli emisferi australi,

sono lì in mezzo, è l’ultimo giorno dei canti,

cullato dalle assordanti grida dei marinai;

sogno una distesa di sabbia bianca,

la luce dell’alba, il rosso si divincola

fra le nubi in dileguo, una coda di gatto

composta da note e colori pastello,

c’è lo sguardo e il sentire, c’è armonia.

Ed io prendo il respiro, dilato le iridi,

ascolto le frasi stonate giù al molo,

ho mosso soltanto un sogno destriero,

ho il mio laccio di spago al polso,

dormo su un letto di cenci e paglia dura.
(Ogni storia finisce quando smettiamo di raccontare!)


Castello di Flint – William Turner

https://it.wikipedia.org/wiki/William_Turner

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Après la nuit 

  1. franzpoeta ha detto:

    L’ha ribloggato su L'insaziabile.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...