Le blanc et le rouge 

Vedo volare un aquilone,

ho gli occhi chiusi, è bianco e rosso,

solca il cielo sui castelli di sabbia,

sono parte di esso, sono,

pezzo di stoffa, di filo, di legno.

Giù, fra le creste di terra,

c’è steso un binario,

e in rilievo un piccolo treno,

e le conifere e gli sbuffi di fumo,

da qui sento i graffi dei rovi.

Sulla pelle che è pezza bruciata

dal sole e dagli anni,

dai torti subiti, dagli incanti,

dalle notti insonni, dai giorni felici,

ascolto il frinire delle cicale

in un giorno di luglio, lì presso il mare.

E resto soltanto un aquilone

bianco e rosso, quieto,

adagiato nell’aria,

dai fili sospesi, tenuti da un bimbo.


Il Castello dei Pirenei – Rene Magritte

https://it.m.wikipedia.org/wiki/René_Magritte

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...