Inseguendo in divenire 

La città è falsificata,

dallo stormire di queste persone,

dai palazzi imponenti e opachi.

Mine vaganti attraversano le strade,

poche gocce di pioggia

rendono il grigio intenso,

cielo e terra in un’ampolla di vetro.

Una mano capovolge tutto,

cadono monili fra le nuvole,

tracce umane divelte dal tempo,

soltanto il frusciare

dei fogli di carta portati dal vento

rimettere tutto come prima,

né a posto, né nel modo giusto.

Svetta di sbieco la torre bianca,

le strade strette, i vecchi palazzi,

le torme di macchine fotografiche,

sciami di frasi,

granelli di pietre sui cuori.

Ascolto il frastuono degli sguardi,

le scelte rincorrono i sensi,

aeroplanini di carta di zucchero

disciolti in volo.

La città accoglie mattoni rossi,

stucchi e colonne,

statue di Dei fra gli uomini.

Sacri baci di amanti dai sorrisi d’incanto.
(Un gioco è divertente solo se fatto con serietà!)

Florence, Aleksandra Ekster

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...