Colori nel buio


Comincia così, l’uscita dal locale,

le grosse gocce addosso, sul piumino

sul marciapiede, sulle scarpe.

Guardo davanti con la testa inclinata,

appena per vedere dentro le luci,

specchi d’acqua come frammenti

di cristallo, immagini non nitide,

sparse lungo il tragitto verso l’auto.

Riflessi di luce, come stelle, formano

galassie nello spazio di un sogno,

nuove costellazioni alle quali dare un nome.

Inconsistenti quanto una predizione,

il futuro è il passo prossimo

con cui copro il riflesso di una vetrina.

Sull’asfalto si crea una più ampia vetrata,

con dentro il segnale di divieto di sosta

immerso in una porzione di infinito,

al lato della strada, al lato di un pensiero.

La città scivola, i palazzi di tante vite vissute

reclamano il silenzio sulle spoglie

di quei muri attraversati da sogni e da crepe,

sulle facciate scalcinate dai colori sbiaditi,

dalle imposte, dalle finestre, dai portoni,

scheggiati, usurati, mancanti di parti.

La pioggia dona un denso scurire alle cose,

i riflessi sono le immagini più prossime,

qualcosa lasciato fuori senza un motivo apparente,

il muto sentire di quanto avviene dentro.

È più il pensiero a dar senso al ritorno a casa,

ovunque sia, l’azione è il compimento di un riflesso.
(Stanotte non c’era verso, stamattina c’è il vento!)

 Foto di Luca Daniele

Informazioni su franzpoeta

Amo gli sguardi. Napoletano emigrato a ovunque sia.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...